mercoledì 24 ottobre 2007

L'effetto Grilo e' duro a morire: Notizie d'attualità


Al TG2 questa sera hanno dato una notizia che era un vero e proprio scoop.
Hanno letto le cifre delle presenze alle manifestazioni secondo il ministero dell'interno.

Hanno comunicato i dati di affluenza ad una manifestazione di sinistra, ad una di destra (per par condicio) ed a quelle apartitiche del V-day e del Family day.

Il TG2 ha detto che il V-day a Bologna ha visto la patrtecipazione di 30.000 persone, un ordine di grandezza in meno rispetto al Family day.

Poco rileva se sia credibile o meno. L'attento tele-osservatore pero', cosi' ha potuto capire che la manifestazione promossa da Grillo conta molto poco.

Bene, il Family day e' stato il 12 maggio 2007. Il V-day e' stato il 8 settembre.

Oggi e' il 23 ottobre.

A un mese e mezzo dal V-day c'e' ancora qualcuno che si sente in dovere di far capire che una manifestazione apartitica di piu' di 5 mesi fa era un ordine di grandezza piu' partecipata del V-day.

(omettendo di dire che della prima fu data amplissima copertura informativa e fu messa in campo una macchina organizzativa trasversale cospicua mentre della seconda e' stato dato, a posteriori, solo una breve di pochi secondi al tg con una foto fissa che ritraeva il palco).

Non mi pare sia una notizia d'attualita', invero non e' una "notizia" da TG ma ormai una analisi di approfondimento politico, se non addirittura di storia contemporanea...

Quando tra due avversari uno reagisce eccessivamente capisci che e' debole.

La domanda qui a mio avviso e' se sia piu' debole la politica o l'informazione.


Di Beppe Grillo io ho sempre detto che, se per tutto e' come per il wimax (argomento che conosco un pochino), il 90% delle cose che dice e' verita' e l'altro 90% e' cabaret (e come lo fa lui, non lo sa fare nessuno). Ma anche questo, a mio avviso, poco rileva.

Come ho avuto modo di scrivere qua e la in qualche commento, non si puo' trascurare il fatto che centinaia di migliaia di individui, senza alcuna comunicazione dall'alto, senza rodate organizzazioni di pullman e treni, hanno partecipato in tutta italia a un evento comunicato solo via Internet...

... Soprattutto se pensiamo che le elezioni scorse sono state vinte per poco piu' di 20mila voti.

Le tre proposte di legge di iniziativa popolare, bene o male, i partiti in qualche misura le stavano digerendo, le potevano accettare e qualcuno che le proponeva, senza la raccolta di firme, poteva essere sicuramente trovato.

A me pare che la valenza maggiore del V-day, a prescindere dai contenuti espliciti, stia in un grande macignoso contenuto implicito: il sistema dell'informazione non e' piu' in grado di essere controllato perche' Internet e' una crepa amplissima nella diga (e l'andamento della pubblicita' e' un riflesso di ciò).

Soprattutto tra i giovani che si avviano al voto per le prime volte che, in una situazione di parita' sostanziale tra i due tradizionali schieramenti dogmatici, risultano determinanti.

Allora la "notizia" del TG2 mi suona di piu' come una autoassoluzione, come dei colonnelli che a seguito del cedimento del fronte ripetono, nella capitale, "abbiamo la situazione in pugno" dimostrando una distanza enorme dai giovani che sono il fronte della politica.

Io, una "notizia" cosi', mi sarei rifiutato di leggerla.
Stefano Quintarelli - Blog
Distribuito in Licenza CC 2.5

Nessun commento: