giovedì 13 dicembre 2007

Aderisci al movimento “energie rinnovabili”

L’energia è vita. Dall’energia ha origine il lavoro. Se la popolazione della terra aumenta, se le economie mondiali creano e stimolano iniziative di produzione e di servizio, se i commerci mondiali crescono se cioè aumenta la domanda di beni il lavoro aumenta e crescono di conseguenza i consumi.
Poiché l’energia prodotta si consuma quasi in tempo reale, all’aumentare dei consumi cresce la produzione di energia e quindi l’impiego delle risorse energetiche. Negli ultimi cinquant'anni il consumo energetico è andato sempre aumentando e di conseguenza è aumentata la produzione.


“Produrre energia da fonti rinnovabili è ormai irrinunciabile e strategico per il futuro stesso del nostro Pianeta – afferma il Portavoce dei Piccoli Comuni, Virgilio Caivano – Abbiamo il dovere di coltivare dal basso una nuova cultura dell’energia nel rispetto dell’ambiente da conservare alle future generazioni. Per queste ragioni diamo vita ad un movimento popolare che da basso lavori ad una sensibilizzazione delle pubblica opinione sulle opportunità di fare dell’energia la sfida vera di questo tempo. Spiegare ai giovani che dall’energia rinnovabile partendo dalla ricerca e dall’innovazione è possibile creare nuove forme di lavoro e di sviluppo per tentare di drenare quella fuga di cervelli che lasciano il nostro Mezzogiorno d’Italia e realizzare centri di ricerca per raggiungere l’obiettivo della filiera completa dell’energia. Un movimento popolare consapevole della posta in gioco e protagonista del riscatto vero del nostro Sud.
Il Consorzio “Fortore Energia” di autoproduzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, presentato qualche giorno fa in Provincia di Foggia è l’esempio vincente da seguire e sostenere. Studi specializzati prevedono nel 2030 – conclude il Portavoce dei Piccoli Comuni – un contributo delle energie rinnovabili sul totale del fabbisogno mondiale del 10-12% e nel 2050 dell’11-13%, noi dobbiamo raggiungere prima e soprattutto superare di molto il tetto del 20% entro il 2020”.


L’Addetto Stampa
Andrea Gisoldi
Coordinamento Nazionale Piccoli Comuni Italiani
www.piccolientrieuropei.com

Technorati Tag: ,

Nessun commento: