giovedì 22 maggio 2008

Mortalità nella popolazione apiaria: Germania sospende pesticidi

Comunicato stampa, 20 Maggio 2008
Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (Germania)

L'Agenzia federale per la tutela dei consumatori e per la sicurezza alimentare (BVL) della Germania ha deciso di sospendere l'autorizzazione d'uso di tutti i concianti tossici per gli insetti impollinatori dopo le morie denunciate dagli apicoltori tedeschi.

La BVL ha ordinato il divieto immediato dei concianti per le sementi Antarc (cyfluthrin + imidaclopride; Bayer), Chinook (cyfluthrin + imidaclopride; Bayer), Cruiser 350 FS (thiamethoxam; Syngenta), Cruiser OSR (fludioxonil + metalaxyl-M +thiamethoxam; Syngenta), Elado (cyfluthrin + clothianidin; Bayer), Faibel (methiocarb + imidaclopride; Bayer), Mesurol flüssig (methiocarb; Bayer) e Poncho (clothianidine; Bayer).

L'imidaclopride e il clothianidine sono prodotti dalla Bayer CropScience con sede a Leverkusen. In Germania l'imidaclopride è usato coi nomi di Gaucho e Chinook principalmente nella coltivazione della rapa, della barbabietola da zucchero e del mais. Negli ultimi anni in Germania come in Francia quasi il 50% delle api sono morte. Anche le api selvatiche e altri insetti hanno sofferto significative perdite di popolazione in questo periodo di tempo.

Philipp Mimkes della Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (Germania) afferma: "Con un giro di affari annuale di oltre mezzo miliardo di euro, l'imidaclopride è tra i prodotti più importanti della Bayer. Per questa ragione, malgrado i seri danni ambientali, la Bayer combatte "coi denti e con le unghie" contro ogni appello al divieto di usarlo".

19/05/2008 (Green Report)

Api: dopo la Francia anche la Germania proibisce gli insetticidi nocivi

E l'Italia cosa aspetta?

L'Agenzia federale per la tutela dei consumatori e per la sicurezza alimentare (Bvl) della Germania ha deciso di proibire gli insetticidi killer delle api. Il divieto arriva dopo un'analoga decisione della Francia e dopo che l'allarme sugli effetti dei concianti tossici per gli insetti impollinatori si è fatto sempre più forte per le morie di api denunciate anche in Germania dagli apicoltori tedeschi.

Da quando sono cominciate le semine del mais conciato con insetticidi tossici 15 mila colonie di api sarebbero morte nella regione di Strasburgo, in Alsazia, in Baviera e lungo la valle del Reno nel Baden-Württemburg.

L'allarme parte propruio dall'Italia, dove analisi chimiche di laboratorio hanno individuato nei campioni di api morte residui di sostanze neonicotinoidi, ma proprio l'Italia, paese noto per la qualità delle sue api e del suo miele, resta ferma mentre gli altri si muovono. E questo nonostante che l'Italia utilizzi oltre un terzo della quantità totale di insetticidi di tutta l'Europa.

"Nella pianura padana, secondo le stime - spiegano Legambiente e Unapi - tra marzo e aprile scorsi sono stati colpiti ben oltre 50.000 alveari in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Ci auguriamo che anche il nuovo governo italiano non perda tempo: che imponga immediatamente il ritiro dal mercato dei concianti tossici per le api e che si faccia carico di una radicale ridefinizione delle procedure di autorizzazione d'uso dei fitofarmaci che sono largamente utilizzati nelle nostre campagne".

Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer

www.cbgnetwork.org (anche in italiano)
CBGnetwork@aol.com
Fax: (+49) 211-333 940   Tel: (+49) 211-333 911

Nessun commento: