venerdì 6 giugno 2008

Ogni giorno assemblea dei cittadini di Chiaiano

Comunicato Stampa


E' questo il grido che si è levato dalle tante migliaia di persone che hanno attraversato le strade di Marano e Chiaiano contro la megadiscarica nel polmone verde di Napoli, contro il decreto antidemocratico e pericoloso del governo e per un uscita diversa dall'emergenza che non punti su megadiscariche e incenerimento. Una via possibile e necessaria, come ampiamente sperimentato in tante altre città d'Europa e del mondo.
E' una manifestazione per  la democrazia!
Insieme alle migliaia di persone di Marano, Chiaiano e Mugnano che sono scese in piazza malgrado il clima di intimidazione autoritaria creata dal governo, sono venuti comitati ambientalisti da tutta Italia  come i No Tav, i movimenti contro l'incenerimento, la Rete Rifiuti Zero e soprattutto tanti comitati ambientalisti campani:  il comitato napoli Est e quello Napoli centro, il comitato di Terzigno e quello di Giugliano, a dimostrare che non è vero che la protesta dei comitati è contro il 'bene comune' ma al contrario è una ribellione contro il furto di democrazia di questi 15 anni, una risposta che sta ricostruendo un modello di democrazia e di bene comune dal basso attraverso il patto di mutuo soccorso.
Ora si sta facendo un'assemblea pubblica in piazza e inerverranno intellettuali e artisti per la difesa della democrazia e dell'ambiente come Ascanio Celestini, gli Ezezi, Peppe Lanzetta...
Il presidio continua perchè le parole di Berlusconi hanno dimostrato definitivamente che la decisione sarà politica e non solo tecnica. Ogni giorno assemblea alle 19.00 per programmare le prossime iniziative: 'Resisteremo un minuto in più dei devastatori dell'ambiente e della democrazia'.


Comitati in difesa delle cave di Chiaiano
Reti campane contro la devastazione ambientale

Nessun commento: