venerdì 31 ottobre 2008

Presentazione ordine del giorno contro il provvedimento di licenziamento da parte dell’Azienda Atm di Milano nei confronti dell’autoferrotranviere Andrea Pianeta.

Al Presidente del Consiglio Comunale di Vimodrone

Lo scrivente consigliere comunale premesso che,

  • Il 20 settembre 2004 l’autoferrotranviere Andrea Pianeta è stato licenziato perché all’indomani dell’attentato dell’11/9/2001 alle torri gemelle di New York e nella martellante campagna di emergenza terrorismo, ha osato evidenziare, prima ai suoi superiori, poi attraverso gli organi di stampa all’opinione pubblica, i buchi organizzativi che potevano lasciare spazio a un alto rischio di attentati nell’intera linea metropolitana milanese.
  • L’autoferrotranviere Andrea Pianeta, oltre ad essere stato licenziato, è stato anche querelato perché secondo l’azienda Atm di Milano avrebbe sollevato “allarmismo ingiustificato!”
  • L’undici marzo 2004 - tredici giorni dopo l'articolo-denuncia apparso sul quotidiano il Giorno - i timori e le denunce esternate dall’autoferrotranviere Andrea Pianeta si concretizzavano in Spagna, in una stazione di Madrid e in altre due nelle immediate vicinanze dove avvenivano dieci violentissime esplosioni con un terribile bilancio della strage: 199 morti e oltre 1000 feriti!
  • Dopo 3 anni di indagini - in base a precisi riscontri dell’autorità giudiziaria - il Gip incaricato ha ritenuto veritiere le denunce dell’autoferrotranviere Andrea Pianeta e, di conseguenza, infondate le accuse dell'azienda Atm di Milano, disponendo per l'archiviazione della querela: sentenza n°19681/04 R.G.N.R. e n°222414/06 R.G.G.I.P. dell’1 giugno 2007 emessa dal Tribunale di Milano.
  • Il provvedimento di licenziamento nei confronti di Andrea Pianeta era stato confermato dal consiglio di disciplina. Il parallelo procedimento penale si è concluso invece con l’assoluzione dell’autoferrotranviere Andrea Pianeta e l’archiviazione della querela dell’Atm di Milano ritenuta infondata, con sentenza del 1° giugno 2007 dal Tribunale di Milano.
  • Pur nel rispetto delle diverse funzioni, i temi della qualità, della sicurezza e delle condizioni di lavoro all’interno dell’intera linea metropolitana milanese, rappresentano aspetti importanti del servizio di trasporto pubblico autoferrotranviario milanese e riguardano da vicino anche il ruolo degli Enti Locali nel garantire il diritto dei cittadini alla mobilità in sicurezza.

Rilevato inoltre:

· Che la pena immediata - concretatasi nel licenziamento dell’autoferrotranviere Andrea Pianeta - rispetto alla conferma delle eventuali colpe, da parte dell’azienda Atm di Milano è inaccettabile.

· Che la perdita della casa, le condizioni di indigenza e di salute - dopo il licenziamento dell’autoferrotranviere Andrea Pianeta - sono da considerarsi gravemente lesivi della dignità della persona umana, oltre che fortemente preoccupanti.

· L’art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana

· L’art. 41 della Costituzione della Repubblica Italiana

· L’art. 9 della legge 300/70 relativo allo Statuto dei Lavoratori

· L’art. 20 della legge n°81 del 9 aprile 2008

· Il D Lgs n°81 del 9 aprile 2008

· La legge n°123 del 3 agosto 2007 ed i suoi decreti attuativi. In particolare: il DPCM del 21 dicembre 2007 pubblicato nella G.U. n°31 del 6 Febbraio 2008.

Presenta al Consiglio Comunale di Vimodrone

L’ordine del giorno in oggetto, affinché con proprio Atto Deliberativo:

· inviti l’azienda Atm di Milano a ripensare le proprie decisioni, tenendo conto dell’archiviazione della querela da parte del Tribunale di Milano, con sentenza emessa il 1 giugno 2007: n°19681/04 R.G.N.R. e n°222414/06 R.G.G.I.P. e riassumere in servizio l’autoferrotranviere Andrea Pianeta, risolvendo così positivamente, tanto il grave grado di indigenza in cui il medesimo versa attualmente a causa del suo licenziamento quanto in ordine alla vertenza più generale della sicurezza del trasporto sulle linnee della Metropolitana milanese, che interessa da vicino, non solo una categoria di lavoratori, ma anche gli Enti Locali e l’insieme della collettività che con fiducia li utilizza.

Il Consiglio Comunale di Vimodrone

· invita il Sindaco a trasmettere il presente ordine del giorno all’azienda Atm di Milano, al Sindaco di Milano in quanto maggiore azionista di Atm, alla Provincia di Milano, alla Regione Lombardia, alle Organizzazioni Sindacali, ai lavoratori dell’azienda autoferrotranviaria di Milano Linee della Metropolitana milanese, amministrate da Atm di Milano.

Il consigliere comunale

(Giuseppe Lo Presti)

Technorati Tag:

Nessun commento: