venerdì 12 dicembre 2008

Gli OGM e il piano segreto per diffonderli.

Tratto da "Green Planet" - 27/10/2008

Secondo l'Independent, che sarebbe riuscito a recuperare documenti riservati, i leader europei stanno preparando in forma riservata una campagna senza precedenti per diffondere in tutto il continente i prodotti alimentari ogm.
I documenti divulgati dal quotidiano britannico nell'edizione domenicale - la minuta di una serie di incontri privati dei rappresentanti dei 27 governi
-  rivelano una serie di piani per "accelerare" l'introduzione di colture e prodotti alimentari e per "affrontare" la resistenza dei consumatori.

Dimostrano inoltre che i leader vogliono coinvolgere "rappresentanti del settore agricolo" e "l'industria" (presumibilmente anche gigante biotech come Monsanto, scrive l' Independent ) per essere più efficaci nel contrastare "l'interesse" degli ambientalisti.

Le notizie del piano segreto sono destinate a sollevare una tempesta di proteste in un momento in cui la diffusa preoccupazione per la tecnologia ogm è in aumento, anche in quegli stessi Paesi che hanno finora hanno accettato le culture biotech. Le riunioni riservate sono state convocate da Jose Manuel Barroso, il presidente della Commissione pubblicamente favorevole agli ogm, e sono state presiedute dal suo capo di gabinetto, Joao Vale de Almeida.

I primi ministri e capi del governo di ciascuno dei 27 Stati membri sono stati invitati a nominare un rappresentante per gli appuntamenti privati. Né la composizione del gruppo, né i suoi obiettivi e meno ancora i risultati delle riunioni sono state resi pubblici. Ma il quotidiano inglese ha ottenuto documenti riservati, tra cui un elenco di presenze e le conclusioni delle due riunioni svolte fino a questo momento: il 17 luglio e lo scorso 10 ottobre.

L'elenco rivela come gli stessi Nicolas Sarkozy ed Angela Merkel, apparentemente contrari alle culture ogm, abbiano invece inviato agli incontri stretti collaboratori. I verbali rivelano che le discussioni abbiano principalmente toccato due temi: la preoccupazione su come accelerare l'introduzione di colture ogm e degli alimenti e i metodi da adottare per convincere i consumatori ad accettarli. L'introduzione di prodotti modificati devono essere approvati da parte dell'Unione europea prima di poter essere seminati o venduti in Europa.

Ma anche se i funzionari della Commissione sono in genere favorevoli, i governi sono divisi, e questo ha causato una situazione di stallo. Alla fine della prima riunione i presenti hanno concordato una "accelerazione del processo di autorizzazione sulla base di solide valutazioni, questo per rassicurare l'opinione pubblica", mentre con il secondo incontro si è definito che "le decisioni potrebbero essere rese più velocemente senza compromettere la sicurezza."

Ma i documenti mettono in luce come Barroso stia interpetando il proprio ruolo  andando al di là della mera esortazione, ma tentando di persuadere i primi ministri di annullare la propria politica agricola e ambientale a favore degli ogm. "Ha ricordato l'importanza per primi ministri a guardare al quadro più ampio", e "ha invitato i partecipanti a riferire le discussioni ", ed "ha sottolineato l'importanza di attirare l'attenzione al dibattito in corso in sede di Consiglio [dei ministri] ". "Il modo migliore per trattare con l'opinione pubblica", si legge nella minuta degli incontri in cui si è discusso del problema dell'opposizione, è sollevare "un'
emozione, sostenuta da opinioni autorevoli ". E Barroso sottolinea "il ruolo del settore, partner economici e della scienza che devono contribuire attivamente a sollevare tale dialogo". E aggiunge che "i consumatori denunciano di essere male informati" e sottolinea come "i rappresentanti del settore agricolo dovrebbero avere più voce".

E riferendosi ai gruppi ambientalisti ha affermato che il dibattito "non dovrebbe essere lasciata a quei soggetti interessati".

Nessun commento: