lunedì 16 marzo 2009

Edilizia popolare e fonti energetiche rinnovabili

Una sfida straordinaria quella lanciata da Piccoli Comuni e Fortore Energia, dimostrare concretamente come dalla fonti energetiche rinnovabile è possibile creare nuove forme di economia che partendo dal basso sono in grado di dare risposte concrete alle fasce più deboli della popolazione e nello stesso tempo alimentare speranze nelle giovani coppie. “Borghi di Eolo”, l’autentica intuizione del Prof. Michele Raffa, guru europeo delle fonti energetiche rinnovabili e padre nobile di Fortore Energia, una delle più grandi società italiane del settore energetico. “Borghi di Eolo – dichiara Raffa – è la chiara volontà di fare dell’eolico una grande occasione per creare sviluppo alternativo e dare risposte alle attese di migliaia di giovani coppie che intendono investire il proprio  futuro nei piccoli Comuni italiani. La nostra è una proposta progettuale rispettosa dello sviluppo locale, attenta alle risorse del territorio e fortemente impegnata nella valorizzazione dei centri storici delle piccole comunità locali. Noi siamo fermante convinti – ha ribadito Raffa -  della necessità di avviare con le amministrazioni locali iniziative di collaborazione in grado di dare risposte ai bisogni delle piccole comunità. La nostra proposta progettuale si basa sulla possibilità di creare società partecipate pubblico privato in grado di realizzare due torri eoliche in ogni piccolo comune, nel pieno rispetto dei vincoli e delle regole, ed utilizzare il ricavato economico riveniente dalla produzione di energia(350.000euro all’anno) per il recupero delle abitazioni abbandonate nei centri storici da adibire ad edilizia popolare oppure  a veri e  propri alberghi diffusi”. “L’iniziativa di Fortore Energia – afferma il Portavoce di Piccoli Comuni, Virgilio Caivano – rappresenta la migliore risposta alla difficile situazione economica delle nostre piccole comunità locali. Finalizzare l’utilizzo delle risorse rivenienti dalla produzione eolica al recupero dei nostri borghi, avviando anche attività indotte in grado di generare nuova ricchezza e quindi lavoro e sviluppo è il nostro principale dovere. In queste settimane – spiega Caivano  - sono impegnato a promuovere questa lodevole iniziativa di Fortore Energia, incontrando parlamentari, amministratori regionali, forze sociali ed imprenditoriali. Il Governo italiano – la proposta del leader di Piccoli Comuni -  tenga conto nel suo piano casa dell’intuizione di Michele Raffa e collabori con noi allo sviluppo pieno di Borghi di Eolo la vera opportunità per le nostre piccole comunità locali.
L’Addetto Stampa
Andrea Gisoldi

www.piccolicentrieuropei.com

Nessun commento: