venerdì 10 aprile 2009

Operazione pesce d'aprile.

Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto

Guardia Costiera

Appena smascherata dalla Guardia Costiera di Napoli - con il sequestro di 15 tonnellate di prodotto ittico - una vera e propria organizzazione composta da circa 20 persone che, in una sorta di catena di montaggio realizzava etichette con date di scadenza false al posto di quelle originali tentando di immettere sul mercato prodotti ittici scaduti.

Il sequestro - condotto dalla Guardia Costiera nell’ambito di una più vasta operazione compiuta su scala nazionale di concerto con il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali - è avvenuto in un noto deposito all’ingrosso di Casoria, un comune alle porte di Napoli, in seguito ad accertamento di violazioni in materia di frode in commercio, cattivo stato di conservazione e mancata tracciabilità del prodotto.

Continuo ed incessante, quindi, l’impegno delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera in materia di controllo sull’intera filiera ittica a tutela dei consumatori i quali potranno vedere sempre sulle loro tavole un prodotto controllato, sicuro, non pericoloso per la propria salute.

Roma, 09 aprile 2009

Ufficio Stampa

tel. 06.59084666 - 3204210979

fax 06.59084798

e.mail: press@guardiacostiera.it

sito web: www.guardiacostiera.it

Nessun commento: