lunedì 18 maggio 2009

Sconcerto tra i cittadini per il mancato incontro tra i sindaci e il ministro

Comunicato Stampa
Ciampino, 17 maggio 2009

Era un appuntamento che aveva creato grandissime attese e speranze nei cittadini di Ciampino, di Marino e del X Municipio di Roma quello che doveva aver luogo venerdì tra il ministro Matteoli e i sindaci di Ciampino e Marino (i due comuni strettamente confinanti con l’aeroporto di Ciampino).
Walter Enrico Perandini e Adriano Palozzi, primi cittadini rispettivamente di Ciampino e Marino, si sono visti invece sbattere la porta in faccia dal ministro, che li ha relegati, secondo il loro racconto, in una stanzetta a confrontarsi con una commissione tecnica priva di qualsiasi potere decisionale, mentre il Ministro non si è fatto vedere.
Non vengono tenute dunque in alcun conto le rilevazioni ambientali fatte da ARPA Lazio che denunciano la gestione fuorilegge di questo aeroporto di Stato e la presenza di 14.500 persone esposte a livelli di rumore nocivi per la salute (per non parlare delle polveri sottili e degli aerosol di cherosene serviti a colazione ai cittadini dagli aerei che decollano e atterrano a 150 metri dalla città).
L’autorità di Governo non ha voluto affrontare il problema. E mentre, secondo quanto denunciato dal settimanale L’Espresso del 14 maggio, anche i nostri europarlamentari, dimostrando di non avere alcuna sensibilità per le sofferenze dei loro elettori, vengono a prendere i voli low-cost (non li paghiamo abbastanza questi parlamentari?), imbarcandosi di nascosto da ingressi privilegiati sui voli di Ciampino, intanto il diritto costituzionale dei cittadini alla tutela della salute continua ad essere ignorato.
I cittadini non ne possono più, la misura è colma.  Se prima potevano dire di "non sapere", dopo le rilevazioni Cristal condotte da ARPA Lazio emerge l'irresponsabilità con cui le istituzioni trattano la salute dei cittadini.
D'ora in poi riterremo colpevoli tutti quelli che avrebbero dovuto intervenire e non l'hanno fatto!
Agiremo in tutte le sedi, anche in Europa, per la difesa dei diritti dei cittadini per fermare questo attentato alla salute e chiedere risarcimenti adeguati, anche al governo.

Per lunedì 18 maggio alle 17.30 i comitati cittadini hanno indetto un’assemblea-dibattito pubblica nella Sala Convegni di Ciampino, invitando tutti gli interlocutori istituzionali, a cominciare proprio dal Ministro.
Si vedrà in quella sede se e chi riterrà di avere il dovere di salvaguardare la salute dei cittadini.

COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE DELL’AEROPORTO DI CIAMPINO

www.comitatoaeroportociampino.it
info@comitatoaeroportociampino.it
decimo@comitatoaeroportociampino.it

Nessun commento: