lunedì 7 marzo 2011

Treni regionali - Costi su... servizio giù!

Tra il silenzio generale…,
tutti presi a commentare in questi giorni, le note vicende del nostro premier e di Ruby rubacuori…, il nostro caro presidente della Regione Lombardia si appresta a far partire la prima tranche di aumenti riguardanti il trasporto regionale…
Si partirà da quel che si è letto con un bel 10% da febbraio…, (poi vedremo con i soliti arrotondamenti dove andremo a finire…), a cui seguiranno durante l’anno altre botte di aumenti a due cifre…, ma…, dicono dalla regione…, solo se nel frattempo migliorerà la qualità del servizio…, in poche parole si ripete per l’ennesima volta lo stesso film che ormai ci viene proposto regolarmente da quasi due decenni…
Ma vediamo che cosa è cambiato in vent’anni in Lombardia o meglio dal 1994 da quando ho iniziato a “pendolare tra Brescia e Milano”… perché da che me ne ricordi…,  mai la qualità” del servizio era arrivata ad un punto così basso come oggi…
Oggi spendo 114,5 € al mese per un abbonamento regionale di 1° classe che sfrutto per 3-4 giorni la settimana utilizzando alla mattina, alle 7,27, un treno Interregionale che arriva da Verona il Nr. 2088 e che dovrebbe portarmi a Lambrate per le 8, 29, cioè in 62 minuti.
Nel 1994 per lo stesso abbonamento e treno (sicuramente più pulito e meno affollato) viaggiando comodo e seduto…, spendevo circa 90.000 lire, ed impiegavo 50-55 minuti per arrivare a Milano senza particolari problemi di puntualità…
Come ormai da mesi, per non dire anni, anche questa mattina una delle due carrozze di prima classe è al buio e senza riscaldamento, oppure viene declassata, in modo da ottenere il mirabile risultato di lasciare in piedi chi paga di più…, per avere l’illusione di un servizio migliore…
I sedili sono in uno stato indescrivibile di sporcizia non se ne riconosce più il colore originario che da blu, tende ormai al verde petrolio scuro con “mesce giallastre” che farebbero felice qualche arredatore di grido…, lasciamo perdere le foderine che una volta decoravano i poggiatesta della prima classe, scomparsi da anni…, ormai ci si arrangia utilizzando la propria giacca o il cappotto come fodera, per evitare un contatto diretto con quello schifo… altri…, i veri “pendolari”, estraggono tutte le mattine delle sottili copertine dalle borse con cui ricoprire il sedile…
Si viaggia generalmente in piedi tutte le mattine da Treviglio a Milano…, ma già da Rovato la prima classe è completamente esaurita, anche perché sono sempre più numerosi i viaggiatori senza biglietto o con biglietto di seconda classe che la occupano, d'altronde ormai il servizio di controllo dei biglietti  e in generale sul treno è praticamente inesistente, tranne per pochi addetti coraggiosi…, il personale di Trenitalia non passa mai per le carrozze durante il tragitto,  evidentemente sono stanchi di essere insultati dalla clientela sempre più incazzata… (e come si può dargli torto…)
Ormai ci si arrangia da soli…, se salta la luce…, se occorre provare ad alzare o abbassare la temperatura, inutile aspettare che passi qualcuno… ci si alza, si apre lo sportello e ci si mette le mani…, sperando nel miracolo…
Per concludere, il treno arriva “Regolarmente” in ritardo a Milano a causa dei tempi di attesa imprecisati accumulati a Treviglio dove tutte le mattine pur essendo il nostro treno puntuale…, veniamo fermati per farci superare dall’Eurostar “Regolarmente in ritardo” che lo segue…,  ritardo che da 5-10 minuti sta progressivamente aumentando…, a 15-20 minuti alla mattina…

Ricapitolando nel 1994 con lo stesso treno impiegavo per arrivare Da Brescia a Milano Lambrate (80 km di percorrenza) 50-55 minuti,  nel 2010 quando va bene per fare lo stesso tragitto occorrono 70-75 minuti…, negli ultimi mesi, da dicembre…, ormai ne occorrono 75-80…
Ma il bello…, carissimo Assessore viene la sera…, sull’ormai tristemente noto Regionale 10637 per Brescia, in partenza dalla Centrale alle 18,15 e previsto in arrivo a Brescia alle 19,17.
Sì…, questo è un treno che consiglio a tutti di prendere almeno una volta nella vita…, si possono capire molte cose…, sul menefreghismo di chi governa la regione riguardo al problema dei trasporti pubblici…, sulla assoluta e completa mancanza di controllo della qualità del servizio che viene erogato  e pagato dai cittadini, trattati sempre più come sudditi senza alcun diritto e non cittadini che pagano le tasse e clienti che pagando un biglietto si illudono di  acquisire il diritto a un servizio di trasporto dove almeno il rispetto dell’orario gli dovrebbe essere garantito, infine sulla completa e assoluta mancanza di leggi  e organismi indipendenti, che tutelino il consumatore quando chi lo “frega”  vendendogli servizi scadenti o inesistenti è lo stato…, o la regione come in questo caso…
Sono ormai DUE ANNI che questo treno parte (quando non è soppresso) da Milano con la metà delle carrozze chiuse e nessuno ancora in DUE ANNI si è degnato di fare qualcosa, o per lo meno di dare una spiegazione…
Assessore Cattaneo, un consiglio…, le faccia togliere quelle stramaledette carrozze…, perché Lei capirà che è un insulto e una grande e continua presa per il sedere vedere tutti i santi giorni un treno su cui si viene ammassati come bestie…, e che allo stesso tempo ha la metà delle carrozze chiuse al pubblico…
Sono DUE ANNI che inviamo decine e decine di segnalazione su questo problema il risultato…? NULLA…
Sono DUE ANNI che segnaliamo che questo treno non è mai arrivato a Brescia puntuale una sola volta da quando è stato rivoluzionato l'orario a fine 2008…, quando va bene occorrono 75-80 minuti invece dei 62 previsti, il risultato di tutte queste segnalazioni…? NULLA…, ANZI…

NELLE ULTIME SETTIMANE SI ARRIVA REGOLAREMENTE A BRESCIA A 5-10 MINUTI ALLE 20,00, sì assessore ha letto bene…,  sono 90-95 minuti per compiere lo stesso tragitto che nel 1994 coprivamo in 55 minuti…
Caro assessore, mio figlio di 10 anni, ieri sera, mi ha chiesto come mai alla sera arrivo sempre tardi e non ceno più con loro…
Mi ha chiesto perché arrivo a casa sempre arrabbiato e se lo sono con lui…
Caro assessore OGGI è anche a mio figlio che deve dare una risposta… oltre a tutti quelli che vorrebbero capire che cosa sta succedendo sulla nostra linea…, perché ormai si è arrivati e si è superato il limite del sopportabile…, …e come scherzo finale…, tra qualche giorno scatteranno anche gli aumenti dei prezzi…
In quanto alla decisione della Regione di elargire un bonus “straordinario” del 10% sugli abbonamenti di dicembre… con la motivazione di un rimborso sui disservizi subiti nel mese…, francamente non ci sembrava che dicembre fosse stato così diverso dagli altri mesi appena trascorsi…, sicuramente questo gennaio per noi è stato molto peggio eppure siamo sicuri che non ci sarà alcun bonus…
Caro assessore, accetti un altro consiglio, lasci perdere i bonus, non vogliamo elemosine…, elargite poi in un modo così “studiatamente” macchinoso…
Ma si rende conto…, costringere le persone a compilare un modulo di richiesta con i propri dati personali a cui allegare l’abbonamento di dicembre… consegnare il tutto nelle stazioni (che rarissime volte in ritardo e solo su segnalazione degli utenti hanno esposto l’avviso che c’era questa possibilità),  oppure chiedendo di spedire la richiesta per posta magari per raccomandata direttamente in Regione…,  che poi dovrà vagliare una per una ogni singola  richiesta per preparare, ordinare compilare e inviare sempre per posta a casa di ciascuna persona un assegno non trasferibile da incassare in banca  o un buono di pari valore da spendere per un nuovo abbonamento…
Tutto questo per un valore medio del rimborso che immagino sarà intorno ai 5-6 €…
Aspetto con ansia il mio assegno…, lo incornicerò per esporlo tra i miei ricordi più cari…

Paolo Rivi
ASSOCIAZIONE PENDOLARI
IN ORARIO SEZ. BRESCIA

Le domande senza risposta!!!

- Perché nonostante le ingenti somme spese sostenute per il quadruplicamento della linea tra Milano e Treviglio le nostre condizioni di viaggio sono peggiorate?
- Perché i tempi di percorrenza dei treni regionali tra Milano e Brescia sono aumentati?
- Perché i treni regionali vengono costantemente bloccati, dirottati, soppressi..., per lasciare passare i treni Eurostar (in ritardo) che li seguono, accumulando ogni giorno ore di ritardo...?
- Perché i treni regionali di collegamento tra Milano e Brescia viaggiano con sempre più vetture  chiuse inibite ai viaggiatori, e non rispettano le composizioni previste?

Nessun commento: