lunedì 3 febbraio 2014

Il livello di smog può essere associato allo sviluppo di neoplasie pediatriche

Roma, 30 Gennaio 2014

L'esposizione dei bambini all'inquinamento atmosferico delle città, prodotto dai gas di scarico delle automobili, può essere associato all'aumento di tre neoplasie: la leucemia linfoblastica acuta, i tumori alle cellule germinali (testicoli, ovaie e altri organi) e il retinoblastoma (cancro dell'occhio), in particolare la forma bilaterale, in cui entrambi gli occhi sono colpiti.
A stabilirlo è una ricerca dell'University of California (Ucla) di Los Angeles presentata durante il congresso 2013 dell'American Association for Cancer Research di Washington.
I ricercatori hanno utilizzato i dati di 3.950 bambini, inseriti nel California Cancer Registry e nati tra il 1998 e il 2007, e stimato la quantità di traffico locale automobilistico a cui i piccoli erano esposti.
Gli alti valori dello smog sono stati "altamente correlati con lo sviluppo di neoplasie in un periodo che va dal primo trimestre di gravidanza e al primo anno di vita", avverte lo studio.
I dati sono particolarmente significativi e meritano di essere tenuti in considerazione, in particolare in tutte quelle iniziative che possono essere messe in atto per ridurre l'esposizione ai gas di scarico.

Comunicazione a cura di: Centro Ricerche Biomediche SIMOH Scuola Italiana di Medicina Omeopatica Hahnemanniana Via Giovanni Miani, 8 - 00154 Roma www.omeopatiasimoh.net  -  info@omeopatiasimoh.net

Nessun commento: